IL BORGO DEL BALSAMICO

A Botteghe di Albinea, nei pressi di Reggio Emilia, Cristina e Silvia Crotti guidano una realtà che coniuga in modo brillante l’antica tradizione dell’aceto balsamico con la cucina contemporanea e uno stile fresco e chiaro: Il Borgo del Balsamico.

IL BORGO DEL BALSAMICO: ACETO BALSAMICO FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

Il Borgo del Balsamico sorge dove la campagna emiliana si stende ai piedi di colline che profumano di parmigiano reggiano, salumi stagionati e Aceto Balsamico Tradizionale.
È un luogo di pace, in cui vivono in armonia la natura e l’opera dell’uomo.

Il lavoro svolto è ispirato dall’amore per la terra natìa, dalle tradizioni dei padri, dall’amore per le cose vere, dalla consapevolezza del valore del tempo.

Il padre trasmise alle figlie l’arte dell’aceto balsamico, che ora Il Borgo del Balsamico contribuisce a mantenere in vita in modo autentico.

Alcune delle botticelle che ospitano il prezioso nettare nero appartennero a famiglie reggiane e modenesi vissute tra Settecento e Ottocento, mentre altre sono state costruite più recentemente.

Amore per la tradizione non significa però pura ripetizione: vi è continua evoluzione, come testimoniato dalla freschezza dello stile delle confezioni e dai nuovi prodotti ideati insieme ad artigiani eccellenti. Fra le nuove creazioni vi sono ad esempio le Praline al balsamico, create con il maestro cioccolatiere Mauro Morandin, e lo Spantorrone, un torrone morbido ideato con il maestro Franco Cataruozzolo.

ACQUISTA ONLINE SU GUSTOROTONDO I PRODOTTI DE IL BORGO DEL BALSAMICO

IL BORGO DEL BALSAMICO: LE BOTTI E LA PRODUZIONE DELL’ACETO BALSAMICO

La cottura del mosto e l’affinamento sono il cuore del processo di produzione dell’aceto balsamico.

L’acetaia de Il Borgo del Balsamico ospita quasi mille botticelle che custodiscono i preziosi liquidi.

Le operazioni di affinamento e invecchiamento dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP avvengono tramite travasi successivi del mosto cotto in botticelle costruite con legni diversi: alcune botticelle sono in rovere, altre in acacia, altre ancora in ciliegio, o in ginepro, in frassino, in castagno. Ogni essenza, nel silenzio dei giorni che trascorrono, comunica i propri aromi all’aceto balsamico che si sta formando.

Gli altri aceti balsamici, come l’aceto balsamico di Modena IGP, di uso più quotidiano, sono affinati in barriques di rovere francese.

Tutti i prodotti sono confezionati a mano.

IL BORGO DEL BALSAMICO: LE CONFEZIONI E I COLORI

Le confezioni colorate de Il Borgo del Balsamico, oltre a esprimere una creatività fresca ed elegante, forniscono indicazioni sulle caratteristiche degli aceti e sugli utilizzi in cucina.

L’aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia DOP ha un vestito color aubergine, e tre diversi bollini, aragosta, argento e oro, comunicano i diversi affinamenti.

I condimenti e i differenti tipi di aceto balsamico di Modena IGP, poi, hanno vesti color giallo, arancione o rosso:

  • il giallo per gli aceti balsamici più giovani o di uso più quotidiano;
  • il rosso per gli aceti maggiormente invecchiati o di uso più eccezionale;
  • l’arancio per gli aceti balsamici che si trovano a livello intermedio fra le altre due categorie.

IL BORGO DEL BALSAMICO: I PRODOTTI IN CUCINA

Il Borgo del Balsamico produce diversi tipi di aceto balsamico e di condimenti.

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia D.O.P. è assimilabile a un’essenza. È da utilizzare con attenzione, cura e parsimonia, ed è bene non cuocerlo.
In cucina rappresenta un elemento distintivo per ogni piatto e pertanto non deve subire cotture.
Il bouquet di profumi e sapori lo rende un prodotto dall’armonia perfetta.

I condimenti e gli Aceti Balsamici di Modena I.G.P. sono ottimi per accompagnare piatti diversi, dall’antipasto al dolce. Troverai dai sapori più agri e freschi fino a consistenze sciroppose e profumi intensi.

Giovanni Ciresa - Ristorante De Pisis - Venezia

Claudio Melis - Ristorante La Siriola - San Cassiano

IL BORGO DEL BALSAMICO: LE RICETTE DEL TACCUINO

Ogni anno, in occasione delle manifestazioni più importanti, Il Borgo del Balsamico presenta un Taccuino di Ricette studiate appositamente da alcuni noti Chef.

Il Taccuino è una piccola raccolta di ricette di chef noti e appassionati al proprio lavoro.

Tutte le ricette hanno come ingrediente l’Aceto Balsamico, Tradizionale e non, e hanno anche il fine di mostrare i tanti possibili abbinamenti fra aceto balsamico e materie prime.

Fra le ricette si trovano primi piatti, secondi piatti e dolci.

IL BORGO DEL BALSAMICO: I PREMI

Il Borgo del Balsamico è un’azienda giovane, ma ha già collezionato due importanti premi in passato, quando la produzione non veniva commercializzata.

Il primo premio nel Palio delle Batterie del 1996 e altri primi premi del Palio Matildico, che si teneva ogni anno nella Confraternita dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia.

Nel 2015, in occasione di EXPO, Repubblica ha inserito Il Borgo del Balsamico all’interno della pubblicazione “Beautiful Italy 100 Brands we love”.

Il BORGO DEL BALSAMICO E LE DIMORE DEL BORGO

All’interno de Il Borgo del Balsamico trovano spazio anche la villa e la dimora settecentesca. Sorgono in un parco con architettura ottocentesca, con aiuole aiuole ridondanti di fiori e piante ornamentali che in primavera ed estate disegnano splendidi giochi di colori.

A Le Dimore del Borgo si respira un’aria di tranquillità e calma, ingredienti necessari anche alla produzione di un ottimo aceto balsamico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI GUSTOROTONDO!

Se ti è piaciuto la pagina su Il Borgo del Balsamico, condividila sui social! E iscriviti alla Newsletter di Gustorotondo per restare aggiornato su offerte, novità, articoli pubblicati.