Olive trees Toscana - alberi ulivo Toscana- Gustorotondo - Italian food boutique

Varietà di oliva e olio evo in Italia Centrale

In Italia Centrale vi sono diverse varietà di oliva utilizzate per la produzione di olio evo.
Quali sono le principali varietà di oliva in Italia Centrale? E quali caratteristiche hanno gli oli evo, gli oli extravergine di oliva, prodotti?

Varietà di oliva in Italia Centrale: Ascolana dura

Fra le varietà di oliva in Italia Centrale vi è l’Ascolana dura.
L’Ascolana dura è originaria, come l’Ascolana tenera, della provincia di Ascoli Piceno.
L’albero è di media vigoria, ha portamento assurgente e chioma densa.
L’olio evo di Ascolana dura è nel complesso armonico, dal sapore prevalentemente dolce.

La varietà di oliva Ascolana tenera

Un’altra varietà di oliva in Italia Centrale è l’Ascolana tenera.
L’Ascolana tenera, originaria della provincia di Ascoli Piceno, si è diffusa sia in Italia sia all’estero.
La pianta è molto vigorosa, e ha portamento assurgente e chioma densa. I fiori sono autosterili.
I frutti sono destinati quasi esclusivamente alla produzione di olive verdi in salamoia.
La resa in olio è medio-bassa. L’olio evo che si ottiene è dolce, con leggero fruttato erbaceo.

La varietà di oliva Canino

Un varietà di oliva in Italia Centrale è la varietà Canino.
La varietà Canino è diffusa nel Lazio, in particolare nella provincia di Viterbo. Particolare concentrazione si ha nei comuni di Canino, Arlena, Tuscania, Tarquinia e Vetralla.
La pianta è vigorosa, con chioma espansa e branche assurgenti. I fiori, autosterili, possono essere fecondati dal polline di Frantoio o di Leccino.
L’olio evo che si ottiene dai frutti, che hanno dimensioni minute (circa 1 g), è fruttato medio, con sapore equilibrato che comprende sensazioni di amaro e piccante e note finali di erbe aromatiche e carciofo.

La varietà di oliva Carboncella

La Carboncella è una varietà di oliva diffusa nelle province di Roma e di Rieti; la sua area di elezione è la Sabina.
È una delle cultivar previste dal disciplinare di produzione dell’olio extravergine di oliva DOP Sabina. L’albero ha vigoria medio-bassa, chioma compatta e ramificazioni assurgenti.
La Carboncella è autosterile; buoni impollinatori sono Leccino, Canino e Maurino.
L’olio evo che si ottiene è fruttato intenso, amaro e pungente.

La varietà di oliva Dolce Agogia

La Dolce Agogia è diffusa in Umbria sui colli del Trasimeno e nelle aree olivicole del territorio provinciale di Perugia. Albero di medio vigore, ha portamento assurgente e chioma mediamente densa.
Gli oli evo che si ottengono dalla Dolce Agogia possono essere, dal punto di vista organolettico, differenti fra loro. Nei casi migliori, essi sono fruttati medi con gusto moderatamente amaro e sensazioni di piccante medio-leggere.

La varietà di oliva Dritta

Originaria dell’Abruzzo e tipica della provincia di Pescara, la varietà di oliva Dritta ha sviluppo mediamente vigoroso e portamento espanso.
Dalla Dritta deriva un olio evo molto fine, con un’evidente nota di mandorla verde.

La varietà di oliva Frantoio

Un’altra varietà di oliva in Italia Centrale è la varietà Frantoio.
La varietà di oliva Frantoio è ampiamente diffusa in tutta la Toscana, ma anche in altre regioni dell’Italia centrale come Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo.
La produttività elevata e costante e la buona capacità di adattamento ai diversi ambienti olivicoli hanno concorso alla sua diffusione: piante di Frantoio sono state esportate in tutte le regioni olivicole del mondo, da quelle del bacino del Mediterraneo (Algeria, Tunisia, Marocco) a quelle australiane e del Nord e del Sud America, fino alla Cina.
L’albero ha vigore medio-alto e la chioma è densa e rigogliosa, con molti rami fruttiferi lunghi e penduli. I fiori sono autofertili.
La resa in olio è medio-alta e il contenuto in acido oleico e in polifenoli sono elevati e conferiscono all’olio un gusto spiccatamente fruttato e buona stabilità alla conservazione.
La varietà Frantoio costituisce la base produttiva delle DOP per la produzione di olio extravergine di oliva Chianti Classico e Terre di Siena e per l’IGP Olio Toscano.
L’olio extra vergine che si ottiene è fruttato medio, con un sapore ricco, elegante e ampio che comprende le note del carciofo, della mandorla e del cipresso.

La varietà di oliva Itrana

La varietà di oliva Itrana è utilizzata sia per la produzione di olive da olio sia per ottenere olive da tavola. La cultivar è diffusa quasi solo nel Lazio, soprattutto nelle province di Latina e di Roma.
La pianta è rustica, con vigore medio-alto, portamento assurgente e chioma è densa.
L’Itrana costituisce la base varietale dell’olio DOP Colline Pontine.
L’olio extra vergine che si ottiene dall’Itrana è fruttato da medio a intenso, con sensazioni di amaro e piccante medie e in buon equilibrio e sensazioni di pomodoro.

La varietà di oliva Leccino

La varietà di oliva Leccino è originaria dell’Italia centrale, con molta probabilità della Toscana. Oltre che in Toscana, la cultivar è presente in Umbria, Abruzzo, Lazio, Marche e Molise e, all’estero, in paesi del Nord Africa, Australia, Argentina, Messico e Stati Uniti.
L’albero è caratterizzato da vigoria medio-alta, portamento espanso e chioma molto densa. I fiori sono autosterili.
Sebbene il rapporto polpa/nocciolo sia modesto, nelle aree di elezione i frutti vengono utilizzati anche come olive da tavola. La resa in olio è medio-alta e la produttività elevata e costante.
L’olio extra vergine che si ottiene ha elevato contenuto di acido oleico e medio contenuto di polifenoli.
Dal punto di vista organolettico è fruttato armonico, con sensazioni di amaro e di piccante di lieve entità salvo in caso di raccolta precoce.

La varietà di oliva Maurino

La varietà di oliva Maurino è originaria della Toscana, ed è coltivata in tutta la regione è in altre zone dell’Italia centrale. La pianta ha vigore medio-basso, portamento pendulo e chioma densa.
La produttività è buona e costante, e la resa in olio medio-alta.
L’olio extravergine che si ottiene dalle olive Maurino è caratterizzato da un livello medio di fruttato e da un livello medio-leggero di amaro e piccante, con sensazioni di erba e carciofo e leggeri sentori di pomodoro e mandorla.

La varietà di oliva Moraiolo

Un’altra varietà di oliva in Italia Centrale è la Moraiolo.
La varietà di oliva Moraiolo è diffusa nelle principali aree olivicole dell’Italia centrale, e si ritiene originaria della Toscana, dove si trova soprattutto nelle province di Firenze, Arezzo, Grosseto e Siena. Altre regioni italiane nelle quali si coltiva Moraiolo sono l’Umbria, le Marche e l’Abruzzo. La varietà Moraiolo è presente anche in alcuni Paesi del Mediterraneo e nelle aree olivicole americane e australiane. L’albero ha bassa vigoria, portamento assurgente e chioma mediamente densa; fruttifica precocemente, e la produzione è tendenzialmente costante.
Sia la resa in olio, sia il contenuto di acido oleico e di polifenoli nell’olio, sono elevati.
L’olio è fruttato medio-intenso o intenso, nel complesso equilibrato, con note di amaro e piccante elevate e note verdi ed erbacee.

La varietà di oliva Nostrale di Rigali

La Nostrale di Rigali è diffusa prevalentemente nella fascia pedemontana dei territori di Nocera Umbra, Gualdo Tadino e Gubbio. L’albero è di modesto vigore, con portamento espanso e chioma densa.
La fruttificazione è precoce, la maturazione tardiva e compatta.
Il frutto ha dimensioni medio-grandi (3,5 – 4 grammi),  e la produttività buona e costante.
La resa in olio è molto elevata, e l’olio è di buona qualità, con livello di polifenoli alto.

La varietà di oliva Pendolino

Un’altra varietà di oliva in Italia Centrale è la Pendolino.
La varietà di oliva Pendolino è autoctona del territorio della provincia di Firenze e diffusa in tutte le zone olivicole della Toscana e dell’Italia centrale come impollinatore di Frantoio, Leccino e Moraiolo. La pianta, poco vigorosa, ha portamento tipicamente pendulo, aspetto che rende apprezzata questa varietà anche per scopi ornamentali. La chioma è mediamente folta, espansa, con rami lunghi e  -appunto – penduli. Le olive sono di piccole dimensioni (1,5 g circa). La produttività è buona e costante, e la resa in olio medio-alta.
L’olio che si ricava dalla varietà Pendolino ha gusto delicato e gradevole, con elevata presenza di acidi grassi insaturi.

Scopri alcune varietà di oliva tipiche dell’Italia Settentrionale e alcune varietà diffuse in Sicilia e Sardegna.