Biscotti frollini colazione italiana - Frollini biscuits Italian breakfast - Gustorotondo Italian food boutique - I migliori cibi online - Best Italian foods online - spesa online

BISCOTTI FROLLINI: UN CLASSICO DELLA COLAZIONE ITALIANA

CAFFELATTE E BISCOTTI FROLLINI: LA COLAZIONE PREFERITA DAGLI ITALIANI

Molti di noi scelgono per colazione di bere un buon caffellatte accompagnato da qualche biscotto. Spesso si pensa a questi dolcetti secchi tipici della tradizione nostrana riferendosi ai biscotti di pasta frolla. In realtà esistono tanti tipi di biscotti. Quindi i biscotti frollini quali sono? I biscotti di pasta frolla generalmente sono fatti con un impasto di farina, zucchero, burro e uova. Date le loro antiche origini, ne sono state ideate numerose varianti, a seconda dei luoghi e delle epoche, come:

  • le paste di meliga con farina di mais,
  • le offelle con olio di oliva,
  • le margherite di Stresa,
  • i Cabiadini di Barzio,
  • gli spritsgebak in Olanda,
  • gli shortcake e gli shortbread inglesi e americani,
  • gli alfajores in Spagna,
  • gli amaretti con la farina di mandorle,
  • i zaéti con la farina di polenta.

L'ORIGINE DEL BISCOTTO

Cosa vuol dire “biscotto”? La risposta è abbastanza intuitiva, perché il termine fa immediatamente pensare ad una cosa cotta due volte. La parola “biscotto” deriva infatti dal latino “panis biscotus”, ovvero “pane cotto due volte”. I primi biscotti sembrano risalire al X secolo d.C. ed erano caratterizzati dall’abbondante uso di miele o zucchero nella preparazione. Fin dalle origini, la particolarità di questi dolci stava nel fatto che venivano cotti nel forno fino a far loro perdere ogni residuo di umidità. Questa procedura permetteva di conservarli in seguito anche per lunghi periodi di tempo.

Grandi circa 5-10 centimetri, i biscotti vengono ormai preparati anche a livello industriale e proposti nelle forme più fantasiose. Si va dai classici cerchi, alle ciambelline, a quelli di forma quadrata, rettangolare, romboidale fino ad arrivare a cuori, fiori e sagome di ogni genere.

Attualmente i biscotti rientrano nella tradizione culinaria di tutto l’Occidente, del Medio e dell’Estremo Oriente, in numerose varianti.

BISCOTTI FROLLINI SELEZIONATI DA GUSTOROTONDO

Abbiamo scelto frollini e altri biscotti realizzati con le migliori materie prime dai migliori produttori artigianali d’Italia: provali!

TIPI DI BISCOTTI FROLLINI

Di varianti di biscotti frollini al burro oggi ne esistono veramente per tutti i gusti. Alcune vanno per la maggiore come:

  • i biscotti frollini al cioccolato,
  • i biscotti frollini al cocco,
  • i biscotti frollini

In commercio si trovano, inoltre, frollini integrali che contengono ingredienti ritenuti benefici per l’organismo, come le fibre o ricostituenti. Al contrario, se ne trovano altri che non contengono ingredienti che possono risultare nocivi per chi soffre di intolleranze o segue diete alimentari particolari.

IN PIEMONTE I TIPI DI FROLLINI PIÙ FAMOSI

In Piemonte esistono diversi frollini che devono, nella maggior parte dei casi, il loro successo al fatto che fossero dedicati al regno dei Savoia.

I più famosi furono ideati dal pasticciere Domenico Rossi. Si tratta dei Krumiri di Casale Monferrato, dalla caratteristica forma arcuata forse ispirata ai baffi di Vittorio Emanuele II, piuttosto che alla spada usata dai Krumiri, alleati dei francesi durante l’occupazione piemontese tra il Settecento e l’Ottocento.

Il merito della ricetta dei biscotti frollini chiamati Margheritine, dedicate alla regina Margherita (cugina di Umberto di Savoia), va invece al pasticcere Pier Antonio Bolongaro e prevede l’uso di tuorli dell’uovo sodo. Di forma originale tonda, hanno una lieve affossatura al centro.

Le Roselline d’Orta hanno una forma a ruota dentata, con un foro al centro e si distinguono per l’aggiunta di miele e fecola nell’impasto.

I Bicciolani, caratterizzati dalla sagoma rettangolare e dalla superficie a righe, si attribuiscono al pasticcere Carlo Provinciale e sono speziati con noce moscata, cannella, chiodi di garofano e coriandolo.

Le Paste di Meliga sono spesso a forma di anello aperto o chiuso. Spesso vengono preparate con farina di mais fine mista a quella grossa.

RICETTA BISCOTTI FROLLINI FRIABILI

Se, dopo aver letto tante informazioni su questi dolci così apprezzati in Italia e all’estero, vi è venuta l’acquolina in bocca, vi starete chiedendo come fare in casa degli ottimi biscotti frollini al burro friabili. In base alla tipologia ed alla consistenza dell’impasto con cui vengono preparati, i biscotti frollini si distinguono solitamente in “molli”, “secchi”e “friabili”. I biscotti definiti in cucina “friabili” in genere sono ricchi di latte e acqua e quindi un po’ più delicati. Noi di Gustorotondo abbiamo scelto una ricetta tradizionale che vada incontro al gusto di tutti i palati. Un giusto compromesso tra leggerezza e gusto.

RICETTA BISCOTTI FROLLINI MORBIDI

Versare 220 grammi di farina tipo 00 su un ripiano pulito o dentro ad una terrina. Aggiungere 130 grammi di burro a pezzetti, un etto di zucchero e 3 tuorli d’uovo. Mescolare ed aggiungere la scorza di un limone oppure una bustina di vanillina (a seconda dell’aroma che si preferisce) ed un pizzico di sale. Impastare a mano con movimenti rapidi fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola trasparente e lasciarlo riposare in frigorifero per 30 minuti. Spostare quindi il panetto su una spianatoia infarinata e stendere la pasta frolla con un matterello, fino ad ottenere una sfoglia alta circa 4 millimetri. La sfoglia si potrà ritagliare con le formine che si preferiscono e i biscotti crudi andranno poggiati su una leccarda coperta con carta da forno. Introdurre nel forno preriscaldato a 180° per 10-15 minuti, fino a quando non saranno dorati.

SCEGLIERE LA RICETTA: FROLLINI AL BURRO O FROLLINI SENZA BURRO

I frollini originali sono connotati proprio dalla forte presenza di burro. Questo ingrediente li rende particolarmente nutrienti ma anche meno leggeri per la digestione.

In caso vogliate realizzare una versione più leggera di questi biscotti, potete pensare ad una variante in cui sostituire il burro con dell’olio di semi di girasole oppure con olio extravergine di oliva. Questo andrà unito poco alla volta alla farina nella preparazione della pasta frolla. Per variare ulteriormente e cucinare frollini al cioccolato, frollini al cocco o frollini integrali, sarà sufficiente aggiungere l’elemento che preferite alla base della ricetta dei biscotti frollini che vi abbiamo indicato.

ALCUNE FONTI E BIBLIOGRAFIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato