Riso Jasmine Thai - Jasmine Thai rice - Gustorotondo Italian food boutique - I migliori cibi online - Best Italian foods online - spesa online

RISO THAI: CHE COS’È, COTTURA, RICETTE

RISO THAI COS’È

Il riso Thai, chiamato anche riso Jasmine, è un tipo di riso proveniente dalla Thailandia, dal caratteristico aroma che ricorda il fiore del gelsomino.

Il riso gioca un ruolo importante nell’alimentazione dei thailandesi, infatti il verbo mangiare si esprime nella loro lingua con kin khao, che letteralmente vuol dire ‘mangiare riso’. Il riso asiatico (Oryza sativa) ha le sue origini in una regione estesa, dall’India orientale fino alla Cina meridionale. Già 15.000 anni fa questo alimento costituiva una fonte di cibo fondamentale per le popolazioni di alcune regioni della Thailandia, del Vietnam, della Cina, della Corea e di varie isole del sud-est asiatico. Il riso selvatico è presente attualmente in diverse aree dell’Asia, tra cui la Thailandia.

Il riso Thai si trova spesso nelle colture biologiche. Inoltre si raccoglie a fine novembre, nel periodo in cui la maggior parte dei tipi di riso viene invece seminata.

RISO THAI PROPRIETÀ

Come tutti gli alimenti, anche il riso, se consumato in quantità moderate e in alternanza con altre pietanze, non può portare considerevoli benefici o controindicazioni a chi lo mangia.

Il riso Thai è ricco di carboidrati, elementi nutrizionali che portano alcuni vantaggi, come il contributo a migliorare il funzionamento di organi quali i reni o i muscoli e alcuni svantaggi come il fatto che possono alzare l’indice glicemico. D’altro canto questa varietà di riso non contiene molti grassi. Il riso tailandese nero, in particolare, è ricco di ferro e vitamine mentre quello rosso ha molte fibre e sali minerali. Per farsi un’idea sulle proprietà del riso Thai, si può consultare il riepilogo dei valori nutrizionali, riferiti a un etto dell’alimento:

  • valore energetico: 345 Kcal,
  • carboidrati: 78,3 grammi,
  • proteine: 6,6 grammi,
  • fibre: 1,4 grammi,
  • grassi totali: 0,6 grammi,
  • grassi saturi: 0,2 grammi,
  • sodio: 0,005 milligrammi.

LA COTTURA DEL RISO THAI

Una delle particolarità che contraddistingue questa varietà di riso è la cottura. Il riso tailandese rilascia pochissimo amido quando viene cotto e i suoi chicchi non diventano collosi. I condimenti che si aggiungono nelle ricette con riso Thai non vengono, quindi, assorbiti del tutto.

La preparazione ideale del riso orientale è diversa da quella tipica del riso italiano. Ecco le indicazioni per realizzarla sui fornelli, nel forno tradizionale, nel forno a microonde e nello slow cooker. In ogni caso si dovrà prima di tutto sciacquare il riso più volte in acqua fredda per eliminare l’amido in eccesso. Occorrono quindi 200 grammi di riso, 500 ml di acqua, 1 cucchiaino di sale ed 1 cucchiaino di burro o di olio.

TIPI DI COTTURA DEL RISO THAI

Riso Thai cottura sul fornello. Far bollire l’acqua con sale e burro o olio in una pentola e versare il riso. Coprire con il coperchio dopo aver mescolato e lasciar cuocere per 20 minuti a fiamma bassa. Spento il fuoco, sgranare il riso con una forchetta.

Riso Thai cottura nel microonde. Mettere l’acqua, il riso, il sale, il burro o l’olio in un recipiente in materiale adatto alla cottura nel forno a microonde. Cuocere per 10 minuti a potenza media e ulteriori 12-15 minuti a potenza massima. Estrarre il recipiente e sgranare il riso con una forchetta.

Riso Thai cottura nello slowcooker. Imburrare il tegame dello slow cooker e quindi versare all’interno riso, acqua e olio o burro. Impostare sul calore minimo e lasciar cuocere per 1 ora e mezza. Sgranare i chicchi con una forchetta.

Riso Thai cottura nel forno. Far bollire l’acqua sui fornelli e versarla in una teglia da forno con il riso, il sale, il burro o l’olio. Coprire la teglia con un foglio di alluminio, inserire nel forno preriscaldato a 180°C e cuocere per 25-30 minuti. Estrarre dal forno e sgranare con una forchetta.

RISO THAI RICETTE

Questa particolare varietà di riso si presta perfettamente per molteplici accostamenti di sapori. Particolarmente noti e apprezzati riso Thai e pollo ed anche riso Thai gamberi e verdure. Molti utilizzano indifferentemente riso Thai o Basmati per la preparazione di pietanze come il pilaf, ed alcuni hanno l’erronea convinzione che si tratti della stessa varietà di riso. In realtà, si tratta di due qualità di riso diverse, accomunate dal fatto di essere entrambe molto profumate e del tipo a chicco lungo, ma la loro aroma è differente, così come la zona di provenienza e la coltivazione.

Per chi cerca di creare col riso Thai ricette vegetali, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Noi di Gustorotondo proponiamo la classificazione che segue ed una ricetta nel dettaglio, adatta ai pranzi estivi.

RICETTE RISO THAI

Inseguendo come unico scopo una catalogazione pratica, prima di addentrarci nel dettaglio nella descrizione della preparazione di un piatto delizioso, distinguiamo due gruppi. Migliori ricette riso Thai estive, come:

  • riso alla cantonese,
  • spiedini di tonno e salmone con insalata Thai,
  • riso patate e cozze,
  • riso e verza. 

Riso Thai ricette invernali migliori, come:

  • riso al forno,
  • riso gratinato alle verdure,
  • timballo di riso ai 4 formaggi.

INSALATA CON RISO THAI

Vediamo ora come preparare un’ottima insalata con riso tailandese. Per procedere occorre procurarsi 2 etti di riso, 8 ravanelli, una tazza di fave fresche, 1 carota, 2 zucchine, 1 cipollotto, un etto e mezzo di mais, due cucchiai di semi di sesamo, prezzemolo, succo di un limone, 4 cucchiai di olio di sesamo, un pezzetto di circa 3 cm di zenzero, 1 cucchiaino di semi di coriandolo in polvere, 1 cucchiaino di sciroppo di riso o di agave e sale dell’Himalaya

Cuocere il riso in 500 ml di acqua con un pizzico di sale tenendo chiuso il coperchio. Pulire le verdure e metterle in un’insalatiera insieme al riso raffreddato e alle fave. Tostare per un minuto i semi di sesamo in un wok o in una padella a fiamma vivace e aggiungerli. Spezzettare il prezzemolo e distribuirlo sull’insalata. Inserire tutti gli ingredienti per il condimento in un barattolo e, dopo averlo chiuso, scuotere energicamente per amalgamarli. Versare nell’insalatiera e mescolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato